Allegra allergia

E la gente si gratta;
ma è piacevole farlo, specie
quando pizzica.
Pruriti, riniti, allergie:
libero sfogo alle dita avide
di mani peccatrici, che s’insinuano
e s’articolano in svariate
posizioni d’attacco.
Sfiorano
tagliano – forbici volanti –
strusciano,
ansimano, stridono, massaggiano
s'ostinano su una piaga
grattata, pizzicata, estenuata.
L’allergia insiste
si riveste e non concede tregua,
non fa feste. Pollini volanti
imbiancano i ponti; strade che
sembrano innevate: d’estate.
Una gragnuola di graminacee
mi rende gramo.
Sfioriscono intorno gli amori.
Starnutiscono i cavalli ed io con loro.
Etciu, salute. Nitrisco causa salnitro?
La sera si rinfresca col coro
della brezza e della rugiada.
Ma evito le ragazze
che incontro per strada.
Non vorrei smocciarle addosso.
Api, vespe che ronzano attorno
mentr’io trattengo le mani
legate in tasche aderenti,
incastrandole nei pantaloni.
Fazzoletti al vento.
Ectiu, con questo
ne ho sporcati duecento!
Autore: 
Genere: 
Editore: