Fiato perso

Fiato perso
di Luca Massaro

Potevo sembrare me stesso e non ero che io
quel povero fesso che cercava dei sensi
precisi di significanza, negli intensi
attimi di mani aggrappate alle reni: o perdio

quanto lontano il sudore che spargemmo
annebbiando parabrezza di un centoventisette
riempito di biossido d'amore di carezze di strette
così forti da far credere estate l'inverno.

E ti bevvi, mi bevesti, ci bevemmo
finché un giorno la sorgente si spense:
restammo a secco sulla strada del lago.

M'illusi di ritrovarti come uno stupido mago
che rivuole la stessa sostanza perduta
gli stessi vetri appannati, le stesse condense.

Autore: 
Genere: 
Editore: