Qualcosa di nuovo

Ogn’uomo, ogni donna,

ogni pianta,

per viver al mondo ha bisogno

di luce, calore,

da cieli lontani, da fuochi vicini.

Qualcosa di nuovo

che illumini, scaldi, alimenti.

Qualcosa di nuovo.

 

Qualcosa per vivere,

crescere, amare

qualcosa, qualcuno.

Qualcosa ch’è atteso ogni giorno,

qualcosa che manca,

si spera che giunga, che arrivi

improvviso, insperato.

Qualcosa di nuovo.

 

Qualcosa che cambi la vita,

d’ogni uomo, ogni donna,

ogni pianta,

qui soli a soffrire

la sete d’un giorno qualunque;

che attendono luce, calore

per viver dei sogni, dei giorni!

Qualcosa di nuovo.

 

Qualcosa di nuovo

che ieri non c’era: speranza.

La stessa speranza del mondo,

che soffre, che lotta,

si dedica, impegna, da sempre:

sian liberi l’uomo, la donna,

la pianta.

Qualcosa di nuovo.

 

Qualcosa che renda più uguali

qui l’uomo, la donna,

la pianta,

che sembran diversi

nell’essere, vivere, amare:

soggetti d’un’unica sorte,

che chiedon giustizia.

Qualcosa di nuovo.

 

Qualcosa che non vien dall’alto,

ma vien dal mistero dell’uomo

che guarda e riflette

se stesso, nell’uomo, la donna,

la pianta,

sentiti fratelli,

che chiedono amore.

Qualcosa di nuovo.

Autore: 
Genere: 
Editore: